Avviso Pubblico volto alla ricezione di Manifestazione di interesse da parte di soggetti pubblici e privati dell'ecosistema dell'innovazione e della ricerca per l'identificazione di terapie e sistemi contro il Coronavirus

Bandi online

Domande dal: 20/03/2020 , ore 00:00

Scade il: 27/03/2020 , ore 00:00

Codice: RLL12020012172

La manifestazione di interesse resterà aperta fino al 27 marzo.Subito dopo sarà aperto un bando semplificato per selezionare i progetti di ricerca da finanziare. Saranno progetti per trovare terapie, sistemi di diagnostica e di rilevazione del virus, sia per contrastare l'emergenza in corso, sia per prepararsi alla gestione di epidemie future.

Ente responsabile

  • Il presente Avviso è rivolto a tutti i soggetti pubblici e privati  dell’ecosistema della ricerca e dell’innovazione.
  • Un nuovo strumento messo in campo per l'emergenza COVID-19. Il mondo della Ricerca, della Scienza e della Medicina della Lombardia si è messo in moto da tempo: Case farmaceutiche, scienziati, organismi di ricerca stanno studiando il virus, la sua origine e il suo comportamento.

    Regione Lombardia vuole dare una mano a questo mondo, soprattutto a chi svolge attività di ricerca ma non ha i mezzi. Per questo metterà a disposizione 4 milioni di euro a fondo perduto. Inoltre, si apre da subito una manifestazione di interesse, per intercettare altri soggetti pubblici e privati che vogliono mettere a disposizione ulteriori risorse.

  • 0,00
  • Le azioni strategiche che la misura  Sostegno allo sviluppo di collaborazioni per l’identificazione di terapie e sistemi di diagnostica e analisi per contrastare l’emergenza Coronavirus e altre emergenze virali del futuro” sosterrà saranno:

     a. sviluppo di studi di virologia che permettano di identificare varianti virali attuali e/o future, indagare il loro rapporto con l’ospite nonché individuare possibili bersagli molecolari per una terapia con particolare riguardo alla ricerca preclinica e traslazionale;

     b. sviluppo di terapie e di procedure (ad esempio processi innovativi per la rapida ed efficace disinfezione con metodi fisici di bassa complessità e facile diponibilità) per affrontare le epidemie di coronavirus attuali; le terapie in fase di sviluppo preclinico devono avere già avuto almeno una dimostrazione di efficacia in modelli preclinici di malattie analoghe; le procedure devono essere già state testate per la loro efficacia in condizioni simili a quelle oggetto della proposta;

    c. sviluppo  della diagnostica, a livello sia hardware sia software, garantendo  una rapida valutazione dei candidati sulla base della ottimizzazione di tecnologie attualmente applicate (ad esempio migliorando l’efficienza delle tecniche di RT-PCR che si usano per i tamponi) o utilizzando nuove tecnologie veloci e affidabili – anche in relazione ad eventuali certificazioni di qualità conseguite – già applicate in altri ambiti ma rapidamente adattabili alle attuali necessità ed utilizzabili per screening di popolazione ampi che includano soggetti sintomatici ed asintomatici;

    d.   sviluppo di studi di popolazione che permettano una stima affidabile su coorti selezionate della proporzione di soggetti asintomatici positivi o che siano stati positivi al SARS-CoV-2 (questo secondo aspetto correlato alla presenza di anticorpi specifici). Tali studi possono prevedere la conservazione in bio-banca di materiale biologico proveniente da pazienti SARS-CoV-2 e da soggetti positivi asintomatici o paucisintomatici per studi futuri;

    e.   sviluppo di prototipi di DPI riutilizzabili realizzabili rapidamente e con materiali di facile reperibilità in questo momento;

    f. sviluppo di strumenti software e servizi a supporto dell’individuazione precoce e il successivo contenimento del contagio da SARS-CoV-2, ivi inclusa la sorveglianza attiva, la verifica dell'isolamento, la gestione dei sintomi, il monitoraggio dei potenziali contatti a rischio in linea con quanto indicato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e nel rispetto delle normative vigenti. Tali strumenti dovranno essere di preferenza già sviluppati almeno a livello prototipale e – ove pertinente e congruente con il grado di maturazione del sistema – certificati;

    g. sviluppo di misure atte a proteggere gli individui fragili e con patologie pregresse nelle diverse fasce d’età della popolazione; a titolo esemplificativo si fa riferimento ad anziani, individui affetti da immunodeficienze congenite o patologie croniche o con morbilità associate a stati di immunodepressione come neoplasie.

  • Le manifestazioni di interesse potranno essere inviate all’indirizzo:

     ricercainnovazione@pec.regione.lombardia.it dal giorno 20/03/2020 – giorno di pubblicazione sul sito istituzionale di Regione Lombardia nonché sulla piattaforma Open Innovation, e fino al 27/03/2020.

  • Valutativa a Graduatoria
  • N.D.
(*) La scheda informativa tipo dei bandi regionali non ha valore legale. Si rinvia al testo dei bandi per tutti i contenuti completi e vincolanti.

Allegati