Aperto Servizi abitativi sociali, Edilizia residenziale sociale, Edilizia abitativa, Recupero patrimonio abitativo

Interventi volti alla realizzazione di nuova edilizia residenziale sociale, il recupero e la destinazione a servizi abitativi sociali del patrimonio immobiliare pubblico e privato non utilizzato (sfitto invenduto) o sottoutilizzato.

Bandi online

Domande dal: 05/10/2020 , ore 12:00

Scade il: 03/02/2021 , ore 12:00

Codice: RLU12020013482

Scopo della presente manifestazione di interesse è l’attuazione delle linee guida descritte nell’allegato 3 all’Accordo di Programma sottoscritto da Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e Regione Lombardia per la realizzazione di programmi innovativi di rigenerazione urbana, recupero e riqualificazione del patrimonio abitativo pubblico e sociale.

Ente responsabile

Leggi di più
  • Soggetti privati (persone giuridiche) e soggetti pubblici (ad eccezione di Comuni e Aler) proprietari o che abbiano la piena disponibilità di immobili da recuperare e da destinare a servizi abitativi sociali.
  • Il programma è finalizzato a rendere disponibili nuove unità immobiliari in locazione permanente o temporanea, attraverso il finanziamento di progetti per il recupero di immobili presentati da operatori pubblici (escluso A.l.e.r. e Comuni) e operatori privati (esclusivamente persone giuridiche).

    Gli alloggi e posti alloggio resi disponibili saranno destinati a quella fascia di cittadini il cui reddito non consente di accedere ai Servizi Abitativi Pubblici (SAP) definiti dalla l.r. 16/2016 e neppure di sostenere i canoni di locazione del libero mercato.

  • Il finanziamento è previsto dall’Accordo di Programma per la “Realizzazione di programmi innovativi di rigenerazione urbana, recupero e riqualificazione del patrimonio abitativo pubblico e sociale” approvato con il DPGR n. 312 del 7/6/2019 che, per l’attuazione del presente programma prevede risorse complessive pari a € 23.070.000,00.
  • Finanziamento a fondo perduto, concedibile nella misura del 100% delle spese rendicontate ed entro il seguente limite massimo di costo convenzionale di recupero definito per unità di superficie commerciale, come da schema di convenzione tipo, e dipendente dalla durata del vincolo di destinazione d’uso a SAS:

      • 300 €/mq nel caso di vincolo per 8 anni;
      • 425 €/mq nel caso di vincolo per 15 anni;
      • 600 €/mq nel caso di vincolo per 25 anni.

    In presenza di elementi sperimentali e/o di qualità aggiuntiva del progetto di natura gestionale, il finanziamento è concedibile entro il seguente limite massimo:

      • 375 €/mq nel caso di vincolo per 8 anni;
      • 530 €/mq nel caso di vincolo per 15 anni;
      • 750 €/mq nel caso di vincolo per 25 anni.
  • In relazione alla Decisione della Commissione Europea del 20 dicembre 2011, riguardante l’applicazione delle disposizioni dell’articolo 106, paragrafo 2, del trattato sul funzionamento dell’Unione Europea agli aiuti di Stato sotto forma di compensazione degli obblighi di servizio pubblico, concessi a determinate imprese incaricate della gestione di servizi di interesse economico generale (SIEG) ed, in particolare, in relazione alla DGR del 19 dicembre 2016 n. 6002 "Metodologia di valutazione della sovracompensazione da applicare alle agevolazioni concesse per la realizzazione degli interventi, ai sensi della l.r.30 marzo 2016, n. 8 "Legge Europea regionale 2016", art. 6 "Servizio di Interesse Economico Generale nell'ambito dei servizi abitativi", è previsto che il soggetto attuatore debba attenersi agli obblighi e alle modalità di verifica della compensazione durante gli anni di incarico ai sensi degli articoli 5 e 6 della Decisione citata, come declinato dalla DGR del 19 dicembre 2016 n. 6002.
  • La domanda di partecipazione al bando deve essere presentata, esclusivamente in forma telematica, per mezzo del Sistema Informativo Bandi online: www.bandi.servizirl.it

    La domanda deve essere corredata dei seguenti documenti allegati:

    • Incarico per la sottoscrizione digitale e presentazione telematica della domanda a valere sulla manifestazione di interesse
    • Documentazione attestante la legale rappresentanza ed i poteri di firma;
    • Modulo di adesione;
    • Lettera di adesione del Comune in cui è localizzato l’intervento proposto;
    • Proposta di progetto e relativi allegati:
      • Elaborati grafici;
      • Cronoprogramma;
      • Quadro tecnico economico;
      • Scheda di calcolo della richiesta di finanziamento;
      • Progetto di gestione sociale, se prevista.

    Ai fini della determinazione della data di presentazione della domanda verrà considerata la data e l’ora di avvenuta protocollazione elettronica tramite il sistema Bandi online come indicato nel Bando.

  • La tipologia di procedura utilizzata è "Valutativa a graduatoria".

    Per la valutazione dei progetti Regione Lombardia potrà avvalersi di un Nucleo di Valutazione appositamente costituito con decreto del Direttore Generale.  Le proposte ammesse a finanziamento saranno perfezionate mediante la presentazione della seguente documentazione, che dovrà pervenire entro 90 giorni:

    • progetto definitivo, e/o titolo abilitativo comprensivo di cronoprogramma dei lavori, andamento previsionale della spesa e quadro tecnico economico;
    • piano economico finanziario elaborato sulla base delle disposizioni della d.g.r. n. X/6002 del 19 dicembre 2016;
  • Per assistenza tecnica sull'utilizzo del servizio on line della piattaforma Bandi online Sistema Agevolazioni scrivere a bandi@regione.lombardia.it o contattare il numero verde 800.131.151 attivo dal lunedì al sabato escluso festivi dalle ore 10:00 alle ore 20:00.

    Per informazioni e segnalazioni relative al bando:

    Pierluigi Di Cresce - e-mail: pierluigi_di_cresce@regione.lombardia.it

    Giuseppe Barletta - e-mail: giuseppe_barletta@regione.lombardia.it

     

(*) La scheda informativa tipo dei bandi regionali non ha valore legale. Si rinvia al testo dei bandi per tutti i contenuti completi e vincolanti.

Allegati