Bando

Interventi per le attività commerciali dei comuni capoluogo interessati da lavori di pubblica utilità

Bandi online

Interventi per le attività commerciali dei comuni capoluogo interessati da lavori di pubblica utilità
Enti e operatori

Con la dgr n. 435 del 2 agosto 2018 Regione Lombardia delibera il cofinanziamento di interventi a favore delle imprese commerciali realizzati dai comuni capoluogo di provincia che aderiranno all'iniziativa e finalizzati ad attenuare i disagi subiti dalle attività commerciali interessate da lavori di pubblica utilità con oggettivi e perduranti limiti alla sosta e alla accessibilità pedonale e veicolare

Ente responsabile

  • I Comuni capoluogo di provincia interessati da lavori di pubblica utilità (di durata minima di 6 mesi), che causano oggettivi e perduranti limiti alla sosta e all'accessibilità agli esercizi commerciali.

    I Comuni aderenti all'iniziativa possono disporre, a favore delle imprese commerciali, una o più delle seguenti forme di intervento:
    - contributo in conto esercizio per la copertura di spese afferenti a pubblicità , formazione e qualificazione del personale, locazione immobiliari, acquisto di fattori produttivi a condizione che non costituiscano beni ammortizzabili,
    - contributo fino al 70% dell'importo corrisposto nell'anno di riferimento per tributi locali (TARES; COSAP; ICP).

  • L’iniziativa si rivolge alle Micro e Piccole - Medie Imprese (MPMI) del comparto commerciale situate nei Comuni Capoluogo aderenti all'iniziativa, che stanno subendo gravi limitazioni alle attività a causa di lavori di pubblica utilità di lunga durata (durata minima 6 mesi).

    Regione Lombardia destina fino a massimo euro 100.000,00 per Comune a fronte dello stanziamento di risorse comunali per un importo almeno pari al contributo regionale.

    I Comuni aderenti all'iniziativa possono disporre, a favore delle imprese commerciali, una o più delle seguenti forme di intervento:
    - contributo in conto esercizio per la copertura di spese afferenti a pubblicità, formazione e qualificazione del personale, locazione immobiliari, acquisto di fattori produttivi a condizione che non costituiscano beni ammortizzabili,
    - contributo fino al 70% dell'importo corrisposto nell'anno di riferimento per tributi locali (TARES; COSAP; ICP).

    Gli operatori economici beneficiari degli interventi comunali dovranno rispettare i seguenti requisiti:
    - essere micro piccola o media impresa con riferimento all’Allegato I del Regolamento UE 651/2014, del 17 giugno 2015;
    - essere iscritte e attive al Registro Imprese delle Camere di Commercio;
    - avere legali rappresentanti, amministratori (con o senza poteri di rappresentanza) e soci per i quali non sussistano cause di divieto, di decadenza, di sospensione previste dall'art. 67 del D. Lgs. 06/09/2011, n. 159 (c.d. Codice delle leggi antimafia);
    - svolgere attività commerciale (con codice Ateco G.47.2, G.47.3, G.47.4, G.47.5, G47.6, G.47.7 e tutti i sottodigit. ad eccezione del G47.78.94 Commercio al dettaglio di articoli per adulti).
    Ai sensi della l.r. 8/2013, le imprese beneficiarie che detengono a qualsiasi titolo apparecchi per il gioco d’azzardo lecito, ai fini della concessione dell’agevolazione devono rimuovere tali apparecchi eventualmente detenuti a qualsiasi titolo alla scadenza del contratto di installazione stipulato con il concessionario e non potranno procedere con nuove installazioni dalla data di presentazione della domanda di contributo e per i successivi tre anni dalla scadenza del contratto di installazione.

  • 300.000,00 Euro
  • Cofinanziamento.

    Importo massimo fino a euro 100.000,00 per Comune, aumentabile  fino a euro 250.000,00 in caso residuassero risorse sulla dotazione finanziaria e comunque sempre a fronte dello stanziamento di risorse comunali per importo almeno pari al cofinanziamento regionale

  • Intervento che non costituisce aiuto di stato
  • I Comuni capoluogo di provincia, che intendono aderire all'iniziativa, devono presentare la domanda di adesione entro 45 giorni dal 2 agosto 2018, data di approvazione della dgr n. 435.

    La domanda di adesione, su fac simile Appendice A pubblicata sul portale della Regione, deve essere trasmessa alla  Direzione generale Sviluppo Economico tramite la casella pec: <a href=mailto:sviluppo_economico@pec.regione.lombardia.it>sviluppo_economico@pec.regione.lombardia.it 

    Alla domanda di adesione i Comuni capoluogo di provincia devono allegare le deliberazioni attestanti gli impegni economici per la realizzazione delle misure oggetto della dgr 435.

    I Comuni  capoluogo aderenti all'iniziativa devono:
    - sottoscrivere l'accordo con Regione Lombardia per disciplinare nel dettaglio obiettivi specifici, durata e modalità di erogazione delle risorse regionali entro 10 giorni dalla scadenza per l'adesione,
    - attivare la procedura per la concessione dei contributi alle imprese commerciali entro 60 giorni dal 2 agosto 2018, data di approvazione della dgr n. 435;
    - rendicontare alla  Direzione Generale Sviluppo Economico, entro il 31 dicembre 2018, i contributi concessi alle imprese commerciali.

  • Valutativa a Graduatoria
  • Ambrosini Maria Carla
    <a href=mailto:mariacarla_ambrosini@regione.lombardia.it>mariacarla_ambrosini@regione.lombardia.it 
    Sviluppo economico
    Filiere distributive, terziario e tutela dei consumatori
    Riferimento al BURL: BURL S.O. n.32 del 9 agosto 2018
(*) La scheda informativa tipo dei bandi regionali non ha valore legale. Si rinvia al testo dei bandi per tutti i contenuti completi e vincolanti.

Allegati

Dario,
il tuo assistente digitale