Chiuso Bando
Colonnine

Infrastrutture di ricarica elettrica per PMI

Bandi online

ATTENZIONE: è stata disposta la proroga alle ore 12 del 09 marzo 2022 del termine di chiusura per la presentazione delle domande. La misura di agevolazione per PMI per la realizzazione di un’infrastruttura per la ricarica elettrica di veicoli sul territorio lombardo, mira ad aumentare la mobilità sostenibile favorendo l’utilizzo di mezzi privati a basse emissioni di carbonio nel settore della mobilità privata.

Ente responsabile

  • Le Piccole e Medie Imprese aventi sede operativa in Lombardia. 
    Per la definizione di PMI si fa riferimento alla Raccomandazione n. 2003/361/CE e all’allegato I del Regolamento UE 651/2014 del 17 giugno 2015.
  • La misura di agevolazione per PMI per la realizzazione di un’infrastruttura per la ricarica elettrica di veicoli sul territorio lombardo, mira ad aumentare la mobilità sostenibile favorendo l’utilizzo di mezzi privati a basse emissioni di carbonio e, pertanto, contribuendo a limitare le emissioni di gas climalteranti nonché di inquinanti locali quali PM10 ed NOx, nel settore della mobilità privata. 
    La dotazione finanziaria della misura a valere sul 2022 è di € 3.750.000, messa a disposizione nell’ambito Accordo Regione Lombardia - Ministro per il sud e la coesione territoriale, di cui alla D.G.R. n. 3372 del 14/07/2020.
    Si tratta di un contributo a fondo perduto pari al 50% delle spese ammissibili, di massimo 150.000 euro, non cumulabile con altri contributi per investimento di natura regionale, statale e comunitaria per le medesime opere. L’aiuto è concesso ai sensi del Regolamento (UE) 1407/2013 (“de minimis”).

  • Per accedere al contributo, le micro, piccole e medie imprese devono essere in possesso dei seguenti requisiti alla data di presentazione della domanda:

    1. essere regolarmente costituite da almeno tre anni ed iscritte nel Registro delle imprese alla data in cui è presentata la domanda di contributo oggetto del presente bando;
    2. avere almeno una sede operativa (per la quale viene chiesto il contributo) in Lombardia al momento della presentazione della domanda di partecipazione al bando e mantenere tale requisito al momento della richiesta di liquidazione del contributo;
    3. rispettare le disposizioni del Regolamento (UE) n. 1407/2013, relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea agli aiuti «de minimis»;
    4. non rientrare, al momento dell’erogazione del contributo, tra le imprese che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato, aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione Europea;
    5. siano in regola con le disposizioni vigenti in materia di normativa edilizia ed urbanistica, del lavoro, della prevenzione degli infortuni e della salvaguardia dell'ambiente ed essere in regola con gli obblighi contributivi.
  • 3.750.000,00
  • Sovvenzione a fondo perduto
  • Regime de minimis
  • La domanda di partecipazione deve essere presentata esclusivamente sulla piattaforma Bandionline dalle ore 15:00 del 18/01/2022 e fino alle ore 12:00 del 17/02/2022. 
    Il legale rappresentante dell'impresa richiedente (o un suo delegato) deve preventivamente essersi registrato su Bandi online con SPID, CNS o CIE per poter accedere alla piattaforma e procedere a:

    • provvedere alla profilazione dell’impresa, compilando le necessarie informazioni anagrafiche sulla suddetta piattaforma;
    • caricare a sistema, nel caso di richiesta da parte del delegato, la corrispondente delega debitamente sottoscritta (o documento comprovante la rappresentanza legale verso l’esterno del delegato).

    Per poter operare sul portale, occorre attendere la verifica delle informazioni di registrazione e profilazione, che potrà richiedere fino a 16 ore lavorative. La verifica dell’aggiornamento e della correttezza dei dati presenti sul profilo all’interno del Sistema Informativo è a esclusiva cura e  responsabilità del soggetto richiedente stesso. La mancata osservanza delle modalità di presentazione costituirà causa di inammissibilità formale della domanda di partecipazione. 

    La domanda di partecipazione al bando, oltre alle informazioni anagrafiche e di contatto, prevede la dichiarazione relativa al possesso dei requisiti e al rispetto delle condizioni previste dal presente bando e, se la domanda è presentata da un soggetto diverso dal legale rappresentante dell’impresa destinataria del contributo, la delega (corredata da copia del documento di identità del delegato e copia del documento di identità del legale rappresentante dell’impresa destinataria); e dovrà essere corredata online dalle seguenti informazioni e documentazioni:

    • progetto dell’intervento per cui si chiede il contributo e relativi allegati, comprensivo
      di una descrizione di dettaglio delle caratteristiche dell’infrastruttura (a titolo esemplificativo: tipo di dispositivo, potenza e modalità di corrente del dispositivo, numero di dispositivi e numero di punti di ricarica, ubicazione, opere correlate all’installazione e all’allacciamento alla rete elettrica). Il progetto dovrà essere sottoscritto da un soggetto abilitato; 
    • cronoprogramma attestante la conclusione delle opere entro il 31 dicembre 2022;
    • quadro economico con l’indicazione dell’importo complessivo del contributo richiesto, dei costi dell’intervento suddivisi per voci di spesa, redatto come da Allegato G al bando e firmato elettronicamente dal Legale Rappresentante o dal suo delegato;
    • IBAN del conto corrente su cui versare l’importo del contributo riconosciuto.

    La domanda di partecipazione deve essere firmata elettronicamente dal legale rappresentante del soggetto beneficiario o dal delegato il cui nominativo è indicato nella domanda stessa.

    A seguito del caricamento dei documenti sopra descritti, il richiedente deve scaricare tramite  l’apposito pulsante la domanda di contributo generata automaticamente dal sistema e sottoscriverla secondo le modalità descritte nel bando.

    La domanda deve essere perfezionata con il pagamento dell’imposta di bollo attualmente vigente di 16 euro - ai sensi del DPR 642/1972 - o valore stabilito dalle successive normative. A seguito del completo caricamento della documentazione richiesta, il soggetto richiedente dovrà procedere all’assolvimento in modo virtuale della marca da bollo tramite carta di credito sui circuiti autorizzati accedendo all’apposita sezione del Sistema Informativo.

    Il documento di regolarità contributiva (DURC) in corso di validità è acquisito d’ufficio da Regione Lombardia, presso gli enti competenti.

    La domanda è trasmessa e protocollata elettronicamente solo a seguito del completamento delle fasi sopra riportate cliccando il pulsante “Invia al protocollo”. A conclusione della suddetta procedura il sistema informativo rilascia in automatico numero e data di protocollo della domanda di contributo presentata. Ai fini della verifica della data di presentazione della domanda farà fede esclusivamente la data di invio al protocollo registrata dalla procedura online. L’avvenuta ricezione telematica della domanda è comunicata via posta elettronica all’indirizzo indicato nella sezione anagrafica di Bandionline al soggetto richiedente che riporta il numero identificativo a cui fare riferimento nelle fasi successive dell’iter procedurale.

  • L’assegnazione del contributo avviene con procedura valutativa “a sportello”, secondo l’ordine cronologico di presentazione della domanda da parte del soggetto richiedente. 
    L’istruttoria formale e tecnica verrà effettuata da Regione Lombardia (o da altra società del Sistema regionale eventualmente individuata), nel rispetto dell’ordine cronologico di presentazione della domanda assegnato dalla procedura on line. 
    Se a seguito delle istruttorie, avanzeranno risorse rispetto a quanto stanziato, si potrà procedere all’apertura di una nuova finestra.
  • Tutte le richieste di informazioni circa i contenuti del presente bando dovranno essere inviate esclusivamente alla seguente e-mail: bandoricaricapmi@regione.lombardia.it
    o in alternativa potranno essere richieste al call center regionale dedicato a tutti i bandi al numero verde 800 318 318 - Tasto 1.

    Per informazioni tecniche: call center numero verde 800.131.151, e-mail bandi@regione.lombardia.it

(*) La scheda informativa tipo dei bandi regionali non ha valore legale. Si rinvia al testo dei bandi per tutti i contenuti completi e vincolanti.

Allegati

Dario,<br /> il tuo assistente digitale
Dario,
il tuo assistente digitale